Maharashtra law against social boycott turning point for Dalit Christians

03/08/2017 INDIA
This law will give great dignity to Dalit Christians and tribal Christians who are often expelled from villages and forced to live a migrant life on the margins of society. The norms take into account all human rights issues and are against all moral-based discrimination: social acceptance of language, clothing, political or sexual inclinations.

New Dehli (AsiaNews) - With the free presidency on the 2016 Socialist Boycott (prevention, prohibition, and repression), Maharashtra became the first country in the country to adopt a law that seeks to enforce strict rules of Coexistence between the caste.

Il Consiglio dei cristiani indiani (Gcic) ha accolto con favore la nuova legge del Maharashtra perché proibisce gli abusi dei consigli informali dei villaggi. “Un passo nella giusta direzione per fermare l'oppressione nei confronti di alcune categorie di persone come i cristiani Dalit”, ha spiegato ad AsiaNews, Sajan K George, presidente Consiglio dei cristiani indiani (Gcic). La legge considera tutti gli ambiti dei diritti umani e si pone contro le discriminazioni su basi morali, dall'accettazione sociale all'inclinazione politica o sessuale. Si spinge perfino a proibire le imposizioni sulle persone al fine di far loro indossare un particolare tipo di abbigliamento o ad utilizzare un particolare tipo di linguaggio.

Nei villaggi i cristiani tribali e Dalit subiscono vessazioni per la loro casta e la loro fede in Gesù Cristo. “Il boicottaggio sociale ha anche gravi implicazioni economiche poiché i nostri amici cristiani che costituiscono la gran parte dei poveri e dei lavoratori agricoli salariati quotidiani non vengono impiegati nel lavoro, non vengono riforniti di razioni alimentari e non hanno accesso ai pozzi del villaggio”, spiega Sajan K George.

“Questa legge”, continua, “darà una grande dignità ai cristiani Dalit e ai cristiani tribali, che spesso vengono espulsi dai villaggi e costretti a vivere una vita da migranti ai margini della società”. Anche gli stessi genitori e parenti talvolta discriminano e cacciano i loro figli, nel caso di conversionie al cristianesimo.

“Il divieto di boicottaggio sociale, se attuato con giustizia nella società indiana contribuirà a rendere più umane le comunità e la nostra società", ha concluso Sajan K George.

Vedi anche

13/05/2014 INDIA
India: per gli exit poll sarà Narendra Modi il nuovo primo ministro
Sei sondaggi danno per certa la vittoria del partito nazionalista indù Bharatiya Janata Party (Bjp), ma i risultati ufficiali usciranno il 16 maggio. I partiti regionali - avanti in Tamil Nadu e West Bengal - possono fare la differenza. I mercati rispondono bene al possibile successo di Modi, ma sembrano dimenticare i passi falsi del Bjp in materia economica.

11/01/2010 INDIA
Incontro internazionale di professionisti e industriali cristiani a Mumbai
Per la prima volta si incontrano cristiani di diverse denominazioni per affrontare le opportunità del mercato globale senza smarrire la propria identità. Un passo che conferma l’uscita da un ghetto, per una missione cristiana nella società. La benedizione di mons. Agnelo Gracias.

07/08/2013 INDIA
Maharashtra: per la prima volta, una cattolica è vicepresidente della Commissione per le minoranze
Prima di Janet Lawrence D’souza, nessuna donna aveva mai ricoperto tale carica. “Gli attacchi alle chiese, le false accuse di conversioni forzate e le persecuzioni anticristiane – spiega – sono un pericolo per lo sviluppo dell’India”. Tra i problemi da risolvere, la mancanza di terreni per le tombe cristiane.

14/06/2013 INDIA
Maharashtra, esplode il fondamentalismo anti-cristiano
Nello Stato, tra i più ricchi dell’India, le aggressioni anticristiane sono rare. Negli ultimi mesi è aumentato l’odio interreligioso: estremisti indù impediscono la costruzione di luoghi di culto ai cristiani, che vengono persino cacciati dai villaggi. Il Global Council of Indian Christians (Gcic) parla di “trend in crescita e preoccupante”.

03/11/2014 INDIA
Cardinal Gracias: Poor and Minorities Prior to New Maharashtra Government (Hindu)
The Archbishop of Mumbai greets the Bharatiya Janata Party (Bjp), the Hindu ultranationalist party. The Congress lost the election after 15 years to the government. Necessary "to create a climate of harmony and peaceful coexistence in our pluralistic society". The administration must solve "the drama of suicide peasants"

Location: